Articoli

Bonus Videosorveglianza 2019

21 giugno 2019 – Il bonus videosorveglianza è una delle misure presenti nel bonus ristrutturazioni che danno modo di ottenere delle detrazioni fiscali del 50%.

Introdotto con la legge di stabilità 2016 sotto forma di credito d’imposta al 100% (ossia, l’intera cifra spesa poteva essere poi detratta in fase di dichiarazione IRPEF), il bonus videosorveglianza è stato confermatonell’ambito della Legge di Bilancio 2019 (la n.145 del 30 dicembre 2018), questa volta con una detrazione dimezzata. Il funzionamento è simile a quello di altre misure già analizzate, come il bonus condizionatoribonus zanzariere e bonus tende da sole. Simile, quindi, anche il parco di utenti che può richiederla e modalità di presentazione della domanda. Vediamo tutto in dettaglio.

Bonus videosorveglianza 2019, cos’è e come funziona

Parte del cosiddetto Bonus ristrutturazioni 2019, il bonus videosorveglianza è un’agevolazione fiscale che consente di scaricare il 50% delle spese sostenute per l’acquisto delle telecamere, l’installazione del sistema, spese di perizia e di certificazione e conformità alla legge sulla privacy. La detrazione può essere utilizzata a fini IRPEF e deve essere divisa in dieci quote annuali di pari importo. Gli acquisti e l’installazione dell’impianto devono ovviamente avvenire entro il 31 dicembre 2019.

Cosa serve per chiedere il bonus videosorveglianza 2019

Per poter usufruire dello sgravio fiscale è necessario che il pagamento avvenga con un sistema “parlante”, in modo che possa essere poi tracciato dall’Agenzia delle Entrate per eventuali controlli. Sono ammessi, dunque, i bonifici bancari e bonifici postali, anche effettuati online. Nella causale dovrà essere indicata la motivazione del pagamento e aggiunte informazioni come il proprio codice fiscale e la partita IVA dell’azienda che esegue i lavori. Inoltre, nella ricevuta o fattura fiscale rilasciata dal professionista dovrà essere specificato che si tratta di un intervento di installazione di sistemi di videosorveglianza.

Chi può richiedere il bonus videosorveglianza 2019

Il bonus può essere richiesto da:

  • Proprietario dell’immobile
  • Titolare del diritto di godimento
  • Familiare convivente
  • Coniuge separato se assegnatario dell’immobile intestato all’ex coniuge
  • Convivente more uxorio

Cosa comprare con il bonus videosorveglianza 2019

Il bonus videosorveglianza consente di scaricare le spese sostenute per l’acquisto delle telecamere e per la loro installazione. Non solo: potranno essere inserite anche le spese di progettazione dell’impianto, la perizia e il sopralluogo, oltre a quelle sostenute per il rilascio della certificazione di rispondenza alla legge sulla privacy.

Fonte: quifinanza.it

Top
Top